SERIE D: Bravi ragazzi!!

Nova Basket Ciampino 60: Attianese 1, Basile 8, Sciaudone 6, Barcaroli ne, Martucci 6, Migani ne, Gori 6, Tshisol 4, Pichini 4, Vallario, Tebaldi 22, Angelini 3. All. Dragone A.all. Mazzoni
Fortitudo Anagni MMX 59: Capotorto 16, Ruggieri 3, Potenziani 2, D'Alessio, Di Mambro 22, Moscetti 4, Carrara, Boccardelli 2, De Francesco 10. All. Stazi
La Nova ce l’ha fatta. Gli amaranto volevano vincere il campionato davanti al proprio pubblico festante e ce l’hanno fatta, aggiudicandosi la sfida contro la Fortitudo Anagni MMX.
Non è stata una partita bellissima, ma molto combattuta, sempre in bilico, ed infine ha vinto con merito la squadra con maggiore qualità. Lo scarto finale avrebbe potuto essere più consistente, per un epilogo più tranquillo, ma la tensione generata dalle aspettative ha portato i padroni di casa a non sfruttare anche facili contropiedi, a tu per tu con il canestro, sbagliando facili appoggi, ne abbiamo contati almeno 5.
Così non è una Nova che da spettacolo, anzi, incontra qualche difficoltà ad attaccare la buona difesa ospite, quando schierata, ma che riesce più agevolmente a superare in velocità e nell’uno contro uno con Basile, Sciaudone e Pichini.
L’entusiasmo amaranto per il traguardo raggiunto è smorzato, però, dal brutto infortunio occorso al capitano (in settimana gli approfondimenti clinici) ed avvelenato dal modo in cui si è verificato. A 13 secondi dal termine il Ciampino è avanti di 1 punto e gli ospiti possono gestire l’ultimo possesso, dopo il time-out chiamato da coach Stazi. La Nova difende bene e Basile intercetta la palla quando di secondi ne mancano 5. Decide di far scorrere il cronometro cercando di evitare il prevedibile fallo sistematico, ma su di lui si avventa De Francesco, sopra le righe per tutto l’incontro, che in corsa lo colpisce con il proprio corpo da dietro, abbattendolo. Dovrebbe essere quantomeno un fallo antisportivo, invece, il duo arbitrale, colpevole per il discutibile modo in cui ha diretto l’incontro, espelle coach Dragone per le proteste a seguito del fallaccio.

Dragone comincia con Basile, Gori, Martucci, Sciaudone e Tebaldi. Entrambe le difese si schierano a uomo, gli ospiti ci rimarranno per l’intero incontro, ed hanno ragione sui rispettivi attacchi avversari. Così il punteggio non decolla e le due squadre vanno al riposo, quasi in contatto (14-16). L’equilibrio permane anche per buona parte del 2° quarto, quantunque i padroni di casa manifestino una chiara supremazia creando veloci contropiedi, banalmente sbagliati nell’appoggio al canestro, e realizzando solo 4 tiri liberi sugli 11 a disposizione.
A 2’ scarsi dall’intervallo lungo (25-23), Martucci si scioglie e realizza 6 punti consecutivi che consentono ai suoi di cominciare la 2^ parte della gara con due possessi pieni di vantaggio (31-25). Alla ripresa, però, è la squadra ciociara che in 2 minuti ribalta il risultato portandosi avanti (31-32), fino ad allungare a +6 (33-39) a metà frazione di gioco, con 2 triple di Capotorto.
La Nova si scuote e reagisce con Gori, da oltre l’arco, e con un incontenibile Basile che perfora per 3 volte consecutive la difesa anagnina, prima che Tebaldi trasformi dalla lunetta un tecnico fischiato al play biancorosso (43-39). Ben presto il punteggio ritorna in bilico, con gli ospiti ancora avanti (43-46 a -1’ e 30” dall’ultimo intervallo), ma Tebaldi, autore ancora una volta di un’ottima prova, pareggia i conti da oltre l’arco. La Nova spreca ancora 2 facili canestri, anche se sull’ultima occasione Tshisol rimedia 2 tiri dalla lunetta, realizzandone 1. Allo scadere del quarto è ancora Tebaldi che, marcatissimo, cerca e trova un altro canestro dalla lunga distanza, per l’esplosione del Palatarquini (50-46).
L’ultima frazione è la più equilibrata e la meno spettacolare. Le difese ritornano ad avere il sopravvento e la palla comincia a pesare.
I padroni di casa, dopo aver sbagliato ancora due altre facili conclusioni, trovano punti da belle penetrazioni di Pichini e Tebaldi, mentre gli ospiti segnano solo dalla lunetta, a meno di due lampi di Di Mambro. Sempre dalla lunetta Tebaldi realizza gli unici 2 punti degli ultimi 3 minuti, sbagliando altrettanti liberi, prima che De Francesco irrompa su Basile (59-58). Attianese, in sostituzione del numero 9 amaranto, fa 1 su due, imitato da Di Mambro per i tiri concessigli a seguito dell’espulsione dell’allenatore di casa.
Nei restanti 5 secondi la difesa ciampinese riesce a negare l’ultimo tiro agli avversari e la Nova è in serie C silver.

Sergio Basile

VAI ALLO SCOUT DELLA PARTITA



Condividi su:



www.novabasketciampino.it - 25/04/2017 08:01

Bacheca


Sponsor tecnico


Ultime Gallery inserite



Aforisma

 


Newsletter


Visite

Ospiti online 11



Powered by Ablaweb.Com Graphic Your website name