I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie.
Cookie Policy   -   OK

SERIE C: Seconda sconfitta consecutiva

http://www.novabasketciampino.it/immagini_articoli/19-03-2018/serie-c-seconda-sconfitta-consecutiva-600.jpg

Basket Serapo ’85 95: Di Dia 4, Wissel, Scampone 6, Leccese 15, Santaniello, Lucarelli 8, Varga 15, Valente F., Antetomaso M. 4, Valente L. 14, Spignese, Porfido 29. All. Cianciaruso
Nova Basket Ciampino 82: Andreassi n.e., Giaché 3, Attianese 5, Sciaudone, Martucci, Fanelli n.e., Gori 2, Cara 33, Tshisol 4, Vallario 7, Tebaldi 24, Angelini 4. All. Dragone. Ass.A. Gabrielli

Seconda sconfitta consecutiva per la Nova Basket Ciampino che a Gaeta non riesce a superare il Basket Serapo ’85. Gli amaranto non ripetono le belle prove delle settimane passate ed i padroni di casa vincono con merito, esprimendo una buona pallacanestro.
I pontini hanno ragione della difesa avversaria con belle giocate sia nel pitturato che dalla distanza. Gli ospiti, invece, con qualche elemento sottotono, incontrano difficoltà a trovare spazi nell’altra metà campo e si affidano soprattutto a Cara e Tebaldi che, al termine dell’incontro, avranno realizzato 57 punti in due. Ciò nonostante la Nova riesce a mantenere in bilico la partita fino all’ultimo.
In vantaggio nel 1° tempo fino a +8 (30-38 al 7’ del 2° quarto), si fa rimontare prima dell’intervallo lungo (39-38) e cede definitivamente la testa dopo 3’ del 3° quarto (45-43), fino al -13 di 3 minuti dopo (60-47). Non molla e con caparbietà ritorna per 2 volte ad un solo possesso di distanza. Al 3° minuto dell’ultima frazione il punteggio è di 71 a 69, ma in due veloci transizioni successive Porfido e Varga trovano 2 fondamentali canestri dalla distanza. La cosa quasi si ripete a 2’ dal termine quando il tabellone segna 83-81 ed è sempre Porfido che rianima i suoi con un canestro da oltre l’arco, questa volta seguito da Scampone che a -1’ 20” realizza da fuori la campana. Quest’ultimo 1-2 taglia definitivamente le gambe agli amaranto che escono definitivamente dalla partita.

Coach Dragone deve fare a meno di Pierantoni e parte con lo stesso quintetto iniziale schierato ad Ostia. L’avvio è piuttosto equilibrato con le squadre che si alternano al comando.
La squadra di casa gioca bene in avanti, crea molto, ma è poco precisa al tiro. La Nova in avanti è meno bella, ma più concreta. Trova chiuse le vie di passaggio verso il canestro e allora lo attacca in penetrazione o dalla distanza. Gli ospiti prendono un leggero sopravvento negli ultimi 2 minuti, con Cara che inventa la sua 2^ tripla (11 punti personali nel quarto) e Tebaldi che realizza a rimbalzo i suoi primi punti (14-18).
L’equilibrio ritorna sin dalle prime battute del 2° quarto con i gaetani che fanno propri tutti i rimbalzi offensivi con Porfido, Lucarelli e Varga (20-21 a - 8’). Ancora un’invenzione da oltre l’arco di Cara rilancia gli ospiti che provano a scappare. Buoni realizzazioni di Thisol, Gori, Giachè ed ancora Cara dalla distanza portano il vantaggio a +8 (28-36 a -4’), confermato dallo stesso dalla lunetta un minuto appresso, dopo che Leccese aveva trovato la strada spianata verso il canestro da una difesa distratta. Gli ultimi 3 minuti sono tutti di marca locale. Varga è ben pescato sotto canestro, oltre la linea difensiva avversaria; Scampone mette a segno la prima tripla di squadra della serata, accorciando a -3. Mentre dall’altra parte si stenta a costruire tiri buoni, ancora Varga e poi Leccese in penetrazione completano il parziale di 9-0, ribaltando il punteggio a fine 1° tempo (39-38).
Alla ripresa sembra che l’intervallo abbia arrestato l’inerzia della gara. La Nova va a segno con Angelini e con Vallario ben servito da oltre l’arco, a cui rispondono Antetomaso e Porfido in contropiede, per il 43 pari dopo poco meno di 2’. I padroni di casa alzano il ritmo, vanno a segno in contropiede e continuano a vincere i duelli a rimbalzo. Quando migliorano anche la precisione nel tiro da oltre l’arco (2 triple consecutive di Porfido e Leccese), prendono il largo (55-47 a poco meno di 6 minuti dall’ultimo intervallo). La Nova continua a tentare soluzioni infruttuose dalla distanza, mentre Porfido fissa con la sua 2^ tripla il massimo vantaggio per i suoi dopo altri 2 minuti (60-47). Gli ospiti hanno il merito di non mollare. Caparbiamente ora cercano il canestro con veloci penetrazioni che portano direttamente punti 2 volte con Tebaldi e dalla lunetta con Vallario (62-52). Alla 3^ tripla di Porfido rispondono con la stessa moneta Vallario e Cara, poi Tebaldi chiude il parziale di 0-8 dalla lunetta, prima dell’ultimo intervallo (65-60).
Questa volta il riposo fa bene ai padroni di casa che dapprima pescano, per l’ennesima volta, Valente L. ben smarcato sotto canestro, al di là della linea difensiva avversaria, e poi si riportano a distanza di sicurezza con Di Dia che trasforma entrambi i tiri liberi assegnatigli (69-60). L’impressione, comunque, già avuta sul finire della precedente frazione di gioco, è che i pontini abbiano speso molto e siano meno lucidi. Sono leggermente in ritardo nei movimenti e portati a commettere fallo. Di ciò ne approfitta il Ciampino che con un bel canestro di Tshisol, la 6^ tripla di Cara e poi 4 su 4 dalla lunetta di Tebaldi e lo stesso Cara, rimette in discussione la gara (71-69 -6’ 30). In effetti non c’è neanche il tempo di rifletterci perché nel successivo possesso Porfido realizza da ben oltre l’arco dei 3 punti, imitato da Varga (77-69), dopo che analogo tiro di Cara si era spento sul ferro.
Ci sono ancora più di 5 minuti da giocare e la Nova non demorde. Con il favore del bonus, gli amaranto vengono mandati in lunetta 4 volte, con alterna fortuna; Tebaldi realizza in penetrazione e quando Cara infila il canestro dopo 3 rimbalzi ed altrettanti tiri consecutivi, mancano poco meno di 3 minuti ed il punteggio è di 81 a 79.
A 2 realizzazioni dalla lunetta di Porfido risponde ancora Tebaldi, a termine di una bell’azione, ma sul successivo possesso è ancora Porfido a realizzare la sua 5^ tripla della serata (86-81 a -1’ 50”). Nell’azione successiva la squadra amaranto non riesce ad andare al tiro, mentre la veloce transizione avversaria si conclude con un canestro di Scampone che, ad 1’ e 20” dalla sirena, spegne definitivamente le speranze e velleità del Ciampino.

Sergio Basile

Vai allo scout generale della stagione 


Social

Ti potrebbe interessare anche:

SERIE C: Peccato!!!
18/05/2018 - 17:01

SERIE C: Vincere è possibile
17/05/2018 - 10:59

SERIE C: Playoff in salita
14/05/2018 - 18:58

SERIE C: La Nova ci crede
12/05/2018 - 12:49

SERIE C: La vigilia dei nostri "ragazzi"
11/05/2018 - 13:23

SERIE C: La Nova chiude al sesto posto
07/05/2018 - 15:41

SERIE C: Verso i play-ooff
05/05/2018 - 14:12

SERIE C: La Nova tra le migliori otto
30/04/2018 - 11:21

Comunicazioni