I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie.
Cookie Policy   -   OK

Spareggio in alta quota

http://www.novabasketciampino.it/immagini_articoli/04-02-2017/spareggio-alta-quota-600.jpg

E’ arrivato il giorno della grande partita. Domani alle 20 e 30, al Palatarquini, la Nova Basket Ciampino e l’Albano Basket si sfideranno per il 1° posto in classifica del girone C di qualificazione del campionato regionale di serie D. A 2 turni dal termine di questa prima fase, le squadre castellane sono appaiate a 28 punti, precedendo di 8 lunghezze l’inseguitrice. Chi dovesse aggiudicarsi questa gara ha molte probabilità di chiudere in testa alla classifica, accedendo come prima al nuovo girone C della seconda fase del campionato, quella che designerà le prime tre squadre che potranno salire in C silver. Quando le due formazioni s’incontrarono nel girone d’andata, erano entrambe imbattute al primo posto, a 6 punti dalla terza. Fu una partita molto bella, dal primo tempo spettacolare (48-46), che i padroni di casa si aggiudicarono con un margine molto ampio (98-77), ma troppo severo per quanto fatto vedere dagli ospiti. Nella partita a seguire, però, gli albanensi uscirono sconfitti dal difficile campo di Rieti ed in quella successiva incapparono in un infortunio burocratico, che indusse il Giudice sportivo a dare la vittoria a tavolino al Palocco, lì dove sul campo, invece, avevano fatto loro la posta in palio. L’equilibrio tra il Ciampino e l’Albano fu però ristabilito subito dopo, nel 2° turno del girone di ritorno, con la sconfitta rimediata dalla Nova in quel di Guidonia, contro il Collefiorito. D’allora le due squadre si sono sfidate a distanza, inanellando solo vittorie e puntando all’incontro di domani. Per gli amaranto la partita si presenta difficilissima. La formazione dell’Albano Basket è, insieme a quelle di Veroli e Carver Cinecittà, una delle più forti del campionato, dichiaratamente costituita assai competitiva per essere promossa alla serie superiore. I pronostici, quindi, non sono favorevoli alla squadra di casa. L’Albano può contare su un quintetto di altra categoria con i vari Afeltra, Cosentino, Porcaro, Lucidi, Cianfanelli, Hankir, guidati da un coach di grande esperienza come Cipriani. La Nova, dal canto suo, ha una formazione collaudata, che gioca insieme da anni e dispone di una lunga panchina, spesso risultata determinante. Per vincere questa sfida, quindi, occorrerebbe che la Nova facesse ricorso al gruppo, alla sua coesione, al suo spirito. Lo stesso con il quale affrontò e vinse lo scorso anno il primo derby cittadino, anche il quel caso a cospetto di una formazione più forte, con gli sfavori del pronostico e sempre con Afeltra e Cosentino tra le fila avversarie. E come fu in quella occasione, ci aspettiamo che il pubblico amico sugli spalti sia numeroso e caloroso, pronto ad incoraggiare e sostenere la squadra, soprattutto negli eventuali momenti di difficoltà. E’ una partita importante, ma non è “la partita della vita”. Quella, auguriamo a tutte e due le squadre di viverla più avanti nel campionato, per la promozione finale. Gli amaranto si sono preparati in settimana serenamente, ma concentrati ad affrontare la sfida. Privi di Giachè, che come abbiamo già avuto modo di evidenziare ha lasciato la squadra per motivi di studio, e di Pistorio, squalificato per 2 turni dopo l’espulsione rimediata nell’ultima gara con Roma Nord 2012, coach Dragone non ha molte alternative di formazione, in cui potremmo registrare il debutto stagionale del neo arrivato Attianese.

Sergio Basile

 

 


Social