I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie.
Cookie Policy   -   OK

SERIE D: SECONDA SCONFITTA

http://www.novabasketciampino.it/immagini_articoli/11-12-2016/serie-seconda-sconfitta-600.jpg

Collefiorito 82: Telesca 10, Catasta 17, Passaretta 17, Saccomandi 2, Presciutti, Fiore 7, Alicino 2, Santoro, Marchionni, Della Libera 18, Cerreoni 2, De Rosa 7. All. Fanciullo. A.all. Giordano

Nova Basket Ciampino 73: Giachè, Basile, Sciaudone 6, Barcaroli n.e., Martucci 32, Vento n.e., Gori 2, Tshisol 2, Pichini, Vallario 9, Tebaldi 22, Angelini n.e.. All. Dragone. A.all. Fantini

Seconda sconfitta in campionato per la rappresentativa di serie D della Nova Basket che cede al Collefiorito negli ultimi minuti di gioco (76-73 a -2’) di una partita molto combattuta e che ha visto le due squadre alternarsi al comando, anche con un discreto vantaggio. Che il campo di Guidonia fosse un campo difficile e la partita assai insidiosa lo avevamo detto in presentazione dell’incontro. La Nova vista venerdì, con qualche amaranto sottotono, è apparsa troppo dipendente in attacco dal duo Tebaldi-Martucci e quando questi, nell’ultimo quarto, hanno perso un po’ di lucidità, non è riuscita a trovare soluzioni alternative. I padroni di casa hanno il merito di averci creduto fino in fondo, anche quando messi alle corde, giocando con grande intensità ed aggredendo i portatori di palla per tutti i 40 minuti. La sconfitta, comunque, non modifica di molto le chances amaranto di accedere al turno successivo dei play-off. I castellani iniziano con Giachè, Gori, Martucci, Tebaldi e Vallario, con Basile che raggiungerà il campo solo nel corso del 2° quarto, per motivi di lavoro. I padroni di casa partono subito forte, pressando gli avversari, e ben presto si portano in avanti con 4 canestri consecutivi di Della Libera (12 punti nella prima frazione) che fanno seguito ad un tiro da 3 di Catasta (sue le 3 triple del 1° quarto). Dall’altra parte Martucci ed un ottimo Vallario mantengono gli ospiti in corsa, ma il punteggio al primo riposo è di 29 a 22 per gli avversari. Alla ripresa le cose cambiano poco e i biancoazzurri raggiungono la doppia cifra di vantaggio dopo poco più di 2 minuti (37-27). La Nova, però, gradualmente, sembra appropriarsi dell’iniziativa del gioco. Chiude bene in difesa e costringe il Collefiorito a tentare per 4 volte consecutive il tiro della disperazione sulla sirena dei 24” (solo il primo realizzato da Telesca); crea buone occasioni offensive, che non concretizza per imprecisione, fa solo 2 su 6 ai liberi e va al riposo lungo sotto di 7 punti (42 a 35), nonostante il Collefiorito non abbia segnato per quasi tutta la seconda metà della frazione. La Nova degli ultimi minuti è molto promettente e nonostante al riavvio i padroni di casa pressino con molta intensità, dopo quasi 3 minuti di gioco si fanno sotto ad un solo possesso pieno (44-41). La partita è molto frenetica e questo porta a rapidi capovolgimenti di fronte ed errori da ambo le parti. A metà frazione un tecnico fischiato a coach Dragone dà il via ad un mini-break che riporta il Collefiorito a +8 (53-45). La Nova passa a zona e stringe le maglie difensive; conquista palle e attacca il canestro avversario con contropiedi e veloci transizioni. All’ 8° minuto del minitempo, un gioco da 3 punti di Martucci, dopo un “coast to coast”, segna il sorpasso  amaranto (53-55), mentre a 20 secondi dall’ultima sirena, sempre il numero 12 ospite, porta a 6 le lunghezze di vantaggio per i suoi (53-59). La partita sembra aver preso la strada di Ciampino, ma prima dello scadere un canestro da oltre l’arco realizzato da Telesca ricorda a tutti che ci sono ancora 10’ da giocare. In effetti alla ripresa del gioco il Collefiorito appare rigenerato, mentre gli ospiti sembrano voler controllare la gara abbassandone i ritmi. La Nova in attacco è troppo prevedibile, fa girare poco la palla e la difesa avversaria ha buon gioco. Dragone chiama il time-out dopo 1’ 30” (60-61). I soliti Tebaldi e Martucci mantengono viva la Nova con azioni individuali, mentre il Collefiorito muove bene la palla sul fronte opposto. Quando mancano poco meno di 6’ all’ultima sirena Passaretta firma un gioco da 3 per il definitivo sorpasso (67-65). Il divario, comunque, non supera mai i 3 punti: per 2 volte gli amaranto mandano in lunetta gli avversari (con bonus) per falli commessi in attacco e per 2 volte accorciano a -1. Dragone prova a mischiare le carte rischierando la difesa a uomo e poi ancora a zona, ma a 1’ 40” dal termine sul punteggio di 76-73, un tiro fuori misura di Fiore si trasforma in assist per il +5 di Della Libera. Sul ribaltamento di fronte Giachè perde palla sbagliando un passaggio, ma la Nova ne riconquista il possesso e questa volta è Tebaldi che si fa chiudere e se la fa portare via per il contropiede di Passaretta, sul quale viene fischiato un dubbio antisportivo a Basile. Il biancoazzurro mette entrambi i tiri liberi e ad 1 minuto dal termine il pubblico locale può cominciare a festeggiare.

Sergio Basile

Vai allo scout della partita

 

 


Social

Comunicazioni