I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie.
Cookie Policy   -   OK

SERIE D: PRIMA SCONFITTA

http://www.novabasketciampino.it/immagini_articoli/21-11-2016/serie-prima-sconfitta-600.jpg

Albano Basket 98: Porcaro 10, Lucidi 17, Giacomelli 4, Petroni 5, Cianfanelli A., Hankir 10, Purificato 1, Afeltra 25, Cosentino 14, Cianfanelli L. 12. All. Cipriani. A.all. Berna Berionni

Nova Basket Ciampino 77: Giachè 6, Sciaudone 6, Martucci 21, Barcaroli n.e., Gori 7, Pistorio 8, Tshisol 4, Pichini n.e., Vallario 1, Tebaldi 24, Angelini. All. Dragone. A.all. Fantini-Mazzoni

Si ferma ad Albano la striscia positiva della Nova Basket Ciampino che perde la sfida tra le due capolista. La squadra di coach Cipriani vince con merito una partita bella e coinvolgente nel 1° tempo (48-46) e che si indirizza verso i padroni di casa nella parte finale del 3° quarto. Infatti negli ultimi 15’ gli amaranto si fanno imbrigliare in attacco e non trovano la necessaria lucidità per reagire e tenere in difesa, subendo un passivo troppo severo. Era una partita difficilissima, contro una squadra importante e, secondo lo scrivente, di categoria superiore. Non c’è quindi da fare drammi. La squadra ciampinese era chiamata a dare una grande prova e per oltre metà gara lo ha fatto, quasi sorprendendo. La sconfitta ha comunque dei risvolti positivi, avendo fornito preziose indicazioni su dove e come lavorare per essere pronti a febbraio, quando avrà inizio la fase finale del campionato, quella che davvero conta. La Palestra comunale di Albano si presenta con la cornice di pubblico attesa, con una folta rappresentanza di tifosi ospiti. La Nova lascia a casa, all’ultimo momento, l’influenzato Basile, sostituito in panchina da Pichini, e Vento, mentre dall’altra parte Porcaro è regolarmente a referto. Coach Dragone schiera Gori, Martucci, Pistorio, Tebaldi e Vallario, con quest’ultimo inviato sulle tracce del temibile Afeltra. I primi due quarti sono giocati in velocità ed a viso aperto da entrambe le formazioni. Parte meglio la squadra di casa, inducendo coach Dragone al time-out dopo poco più di 2’ sul punteggio di 7-2. Dopo i primi due canestri consecutivi dalla lunga distanza concessi ad Afeltra, Vallario prende le misure sulla guardia rossoblu, limitandone l’apporto per quasi tutto il primo quarto. E’ tutta la squadra però che cresce e che risponde colpo su colpo. Le due contendenti, schierate ad uomo, si alternano al comando differenziandosi al massimo di un possesso pieno. In evidenza Martucci, con 10 punti nel 1° quarto ed autore dei primi 8 punti della sua squadra all’avvio della seconda frazione di gioco, ed il solito generoso Tebaldi che gioca ogni palla con grandissima intensità. Oltre ad Afeltra, l’Albano ha diverse soluzioni realizzative e sotto la regia di Lucidi recupera punti anche da Cosentino e Cianfanelli L.. La Nova, come l’Albano, gioca bene, tanto che Dragone comincerà a far riposare i suoi dopo 13 minuti di gioco, ma sono i padroni di casa ad andare al riposo lungo in vantaggio di 2 punti, dopo un canestro sulla sirena di Petroni da oltre l’arco. Il 2° tempo si apre con altri 2 punti realizzati da Afeltra, però sono gli amaranto che con Tebaldi rimettono la testa in avanti dopo 4’ (51-52). A metà periodo Dragone richiama in panchina Gori dopo il quarto fallo personale e Petroni è costretto a lasciare la partita per infortunio alla caviglia. La difesa a zona dell’Albano, già schierata da poco prima dell’intervallo lungo, comincia a dare i suoi frutti, seppure più per imprecisione al tiro dei ciampinesi che per difficoltà nel costruirlo. Ne approfittano i padroni di casa che con Porcaro, Lucidi e Cosentino si portano a +9 (61-52) a poco meno di 4’ dall’ultimo intervallo. La Nova non molla e a -2’30” riduce lo svantaggio a 4 lunghezze con un canestro da oltre l’arco di Tebaldi (63-59). L’entusiasmo dei tifosi ospiti, però, dura pochissimo perché subito dopo è Afeltra ad imitarlo, dando l’avvio ad un parziale di fine quarto di 13 a 1 (76-60) che spacca la partita. All’inizio dell’ultima frazione è Lucidi, lasciato colpevolmente solo da oltre l’arco, ad incrementare ulteriormente il divario e a mettere fine ad ogni speranza ospite. Pian piano la Nova sparisce dal rettangolo di gioco e il vantaggio dell’Albano arriva a +28, a poco più di due minuti dal termine (95-67). Il pubblico locale invoca a gran voce la meta dei 100 punti, ma gli amaranto hanno una risposta d’orgoglio e con Gori, Giachè e Tebaldi, ultimo ad arrendersi, limitano i danni al finale 98 a 77.

Sergio Basile

Vai allo scout della partita

 


Social