I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie.
Cookie Policy   -   OK

SERIE D: LA NOVA CALA IL POKER

http://www.novabasketciampino.it/immagini_articoli/23-10-2016/serie-nova-cala-poker-600.jpg

NPC Willie Basket Rieti 75: Festuccia 14, Granato 22, Blasi 13, Martellucci, Chiani, Cleri 4, Auletta 8, Rinaldi 12, Buccioni, Finizii 2, Fusacchia. All. Angelucci

Nova Basket Ciampino 77: Giachè 4, Basile, Sciaudone 11, Barcaroli n.e., Martucci 7, Gori 9, Tshisol 3, Pichini n.e., Vallario 5, Tebaldi 38, Angelini. All. Dragone. A.all. Fantini-Mazzoni

La Nova riesce nell’impresa di espugnare il difficile campo di Contigliano e così mantenere la testa della classifica a punteggio pieno. Priva di Calvani, Pistorio, Puddu, Vento e con Pichini in panchina solo per star più vicino alla squadra, gli amaranto, trascinati da un grande Tebaldi, sono bravi a sovvertire negli ultimi 10’ gli esiti di un incontro che, a qualche secondo dall’ultimo intervallo, li vedeva sotto di 19 punti (64-45). Eppure, pur giocando sottotono, i castellani erano riusciti a metà del 2° minitempo a raddrizzare una gara partita in salita (22-22), salvo cedere a cavallo dell’intervallo lungo dove, a tiri improbabili forzati dalla buona difesa avversaria, rispondevano precise conclusioni di Festuccia, Granato e Blasi. Occasione persa per i sabini che nell’ultima frazione di gioco riescono a reagire all’intensità e alla zona-press avversaria solo negli ultimi secondi, penalizzati anche dall’assenza di Auletta, Cleri, Festuccia e Granato, progressivamente usciti dal terreno di gioco per 5 falli. La Nova schiera Basile, Gori, Martucci, Tebaldi, Vallario; si parte a ritmi bassi da ambo le parti con le difese ad uomo. Si sbaglia molto: i padroni di casa cercano molto la soluzione dalla lunga distanza (poco proficua nella fase iniziale, saranno 18 i punti totali), gli ospiti sembrano non abbiano preso ancora la confidenza con il canestro. Così si arriva al 6’ minuto del primo quarto sul punteggio di 11 a 5 (di cui solo 2 punti ospiti su azione). I castellani cominciano a ruotare e finalmente, a cavallo del primo intervallo, trovano soluzioni più veloci e con Tebaldi e Martucci, ben servito da Sciaudone, recuperano e pareggiano i conti a -6’ dal riposo lungo. Le squadre sono entrambe schierate a zona; anzi la Nova passa in “box one” su Granato, prima con Giaché e poi con Tshisol. Granato (7 punti per lui fino a quel momento) esce un po’ dai giochi, ma i suoi trovano soluzioni alternative con Blasi e Rinaldi ed in 3 minuti infliggono un break di 11-0 che al 17’ fa 33 a 22. Il Rieti gioca con maggiore attenzione ed è più pronta sui rimbalzi offensivi. La Nova sembra reagire, con Tebaldi in crescendo, ed il divario oscilla intorno alla doppia cifra fino al parziale di 39 a 31 di metà partita, dopo che nell’ultimo minuto coach Dragone aveva ordinato ai suoi la zone-press. Alla ripresa dei giochi i biancocelesti appaiono più determinati e dopo neanche 2’ e 30” infliggono un altro parziale di 10 a 0 (5 punti di Granato e poi Festuccia e Blasi) con la Nova che nel frattempo era ritornata ad uomo. Gli ospiti tornano a praticare la zone-press, ma subito dopo (-7’20”) è ancora Granato che da oltre l’arco trova il primo massimo vantaggio (52-33). La partita prosegue secondo gli stessi temi e divario, anche se il pressing dei castellani porta a molti recuperi non adeguatamente capitalizzati da una bassa percentuale al tiro, in particolare dalla lunetta. L’ultima frazione di gioco prende l’avvio con il parziale di 64 a 48, con la Nova che schiera Giaché, Gori, Sciaudone, Tebaldi e Tshisol, quest’ultimo l’unico ad essere sostituito a -1’20” dalla sirena finale per 5 falli, da Martucci. Che i giocatori amaranto ci credano, molto di più del loro seguito sugli spalti, è evidente dall’urlo d’incitamento che precede il loro ingresso in campo. La Nova prosegue con il pressing alto e recupera molte palle che trasforma in veloci transizioni. Su tutti va segnalato l’apporto di Tebaldi, già in evidenza da metà del 2° quarto, non solo per i punti realizzati (16 nell’ultima frazione), ma per l’intensità, la voglia e lo sprono dato ai suoi compagni. I castellani giocano sicuramente meglio e nonostante la bassa percentuale ai liberi, dopo poco più di due minuti sono a -10 (64-54). Il Rieti va in difficoltà, commette molti falli e comincia a perdere pezzi importanti per somma di falli (ultimo ad uscire Granato a 2’ 20” dal termine). I padroni di casa non segnano più per 5 minuti, fino a che proprio Granato non riporta in vantaggio i suoi a -2’30” (68-67). E’ solo una parentesi; prima un gioco da 3 di Gori (molto bravo a stoppare in precedenza prima Granato e poi Fusacchia) e poi 4 punti di Tebaldi, gli ultimi con un “coast to coast”, mettono 6 punti tra le contendenti quando manca un minuto. Purtroppo per i sostenitori castellani la partita non è finita. Con qualche ingenuità la Nova riporta in partita i reatini, dapprima sbagliando entrambi i liberi con Giaché a -46”, mentre Finizii, sempre dalla lunetta, accorcia a -4; poi sciupa un possesso, temporeggiando in attacco fino a perdere palla e concedere a Blasi un gioco da 3 (73-74) a –23”. Successivamente la Nova gioca palla su Tebaldi, che si ferma attendendo il fallo per il successivo 73 -76. Ultimo sussulto a 10” dalla fine con Martellucci che dalla lunga distanza colpisce il ferro, anche se la Nova riesce a perdere palla ancora a -5” e a mandare in lunetta ancora Blasi (75-76). La Nova gioca ancora su Tebaldi che va ai liberi quando manca un solo secondo e chiude la contesa sul punteggio finale di 75 a 77.

Sergio Basile

Vai allo scout della partita

 


Social