I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie.
Cookie Policy   -   OK

SERIE D: LA NOVA ANCORA IN CORSA?

http://www.novabasketciampino.it/immagini_articoli/18-04-2016/serie-nova-ancora-corsa-600.jpg

NOVA BASKET CIAMPINO 57: Siano n.e., Calvani 2, Giaché 15, Puddu 3, Barcaroli 4, Martucci 8, Tabbi, Vento, Tshisol 9, Vallario 6, Mazzoni 5, Angelini 5. All. Dragone, a.all. Fantini
BASKET ACADEMY 53: Quaresima 7, Ghinet 3, Bianchi 4; De Caris 3, Lo Sinno 6, Pagliaroli 10, Fassiotti 4, Dell'Uomo 2; Malandrucco 4, Renzi 10. All. Calcabrina

Dopo 7 sconfitte consecutive la Nova torna al successo nella gara casalinga contro il Basket Academy e, grazie alla contestuale sconfitta della Cavese 93 sul campo del Roma Nord 2011, continua a sperare in un possibile piazzamento all’8° posto che le consentirebbe di prendere parte alla seconda fase del campionato. Si deciderà tutto la prossima domenica, allorquando si giocheranno in contemporanea Cavese 93 – Collefiorito e Basket Polaris – Nova Basket Ciampino. Per poter accedere ai play-off, gli amaranto non solo dovranno battere il Polaris a Cinecittà, ma fidare che il Collefiorito faccia altrettanto contro la squadra prenestina. E allora perché il punto di domanda nel titolo? In realtà la Nova andata in scena nell’ultimo appuntamento al Palatarquini è sembrata una squadra già a riposo, svogliata e senza mordente. Certamente le tante ed importanti assenze hanno inciso in maniera significativa sulla qualità e quantità di gioco, ma l’atteggiamento rinunciatario e passivo mantenuto dai più per metà della partita, non può trovare giustificazione in questo. Così un discreto Basket Academy prende subito il largo ad inizio partita portandosi avanti di 12 punti al termine del primo quarto (12-24). Coach Dragone deve sudare le fatidiche camicie per smuovere e motivare i suoi, sia prima che durante l’intervallo lungo. Alla ripresa dei giochi, con i padroni di casa sotto di 6 lunghezze, l’intensità finalmente sale con Thisol, Puddu si distingue in fase difensiva, i soliti Giachè e Martucci in quella offensiva, accompagnati da un buon Angelini. Gli amaranto prima recuperano, iniziando l’ultima frazione a contatto (45-46), poi allungano quanto basta per gestire il ritorno finale degli avversari, conquistando l’importante posta in palio.

Sergio Basile 

VAI ALLO SCOUT DELLA PARTITA


Social

Comunicazioni