I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie.
Cookie Policy   -   OK

NOVA VINCI PER NOI !!

http://www.novabasketciampino.it/immagini_articoli/12-03-2016/nova-vinci-600.jpg

Partita importantissima quella che andrà in scena domenica alle ore 18.30 al Palatarquini, tra la Nova Basket Ciampino e Roma Nord 2011, a 6 giornate dal termine della stagione regolare del campionato di serie D. Le due  squadre sono al 5° posto a 18 punti, condiviso con Roma Nord 2012 e Basket Polaris; fino alla fine del campionato i romani disputeranno una partita in meno rispetto agli amaranto, perché devono ancora osservare il turno di riposo; la gara d’andata terminò 45 a 61 per la Nova; nelle partite rimanenti, entrambe le formazioni incontreranno Collefiorito, Cavese e Frassati. Le due squadre provengono, invece, da recenti strade diverse. Dopo 5 vittorie consecutive, tra cui spiccano quelle in casa di Roma Nord 2012 e Basket Polaris, i gialloviola hanno perso con Colleferro e domenica scorsa contro il Carver. Gli amaranto tornano al Palatarquini dopo 4 settimane di assenza, in cui hanno rimediato 3 sconfitte esterne intervallate dal turno di riposo. La squadra di coach Cantarella sembra in gran forma, al di là degli ultimi risultati, avendo tutti gli effettivi a disposizione e quindi anche il capitano Dosi e Pagani, assenti nella gara d’andata. Squadra molto tattica quella del Roma Nord, che alterna alla difesa a uomo una zona 2-3 alta, pronta a far partire i veloci contropiedi di Lombardi, Ribaldi e Gasseau; capace di spezzare la partita con i tiri da oltre l’arco di Bonistalli; tenace, come abbiamo già visto, fino alla fine della partita, attuando zona-press e difesa aggressiva. Diverse le aspirazioni delle due squadre all’inizio del campionato. L’obiettivo dei castellani era e rimane la salvezza, a questo punto, senza dover disputare i play out. Agli amaranto mancano solo 4 punti per raggiungere matematicamente questo traguardo. Ecco perché la partita di domani si presenta come importantissima per i padroni di casa, anzi, oseremmo dire determinante. E’ noto come nell’ultimo periodo le prestazioni della Nova siano state fortemente condizionate dagli infortuni e purtroppo dobbiamo annotare come questo periodo nero non sia ancora del tutto superato. L’infermeria rimane ancora popolata e per questo un’eventuale vittoria, al rientro tra le proprie mura, sarebbe un’iniezione di fiducia nel futuro e sbarrerebbe la strada ad un pericoloso spirito di rassegnazione. Vincere non solo porrebbe la Nova ad un passo dalla salvezza, anzi potrebbe essere già matematica in caso di concomitante sconfitta del Pegaso e del Basket Academy, ma la proietterebbe con il giusto morale e la necessaria convinzione nella lotta per i possibili play off. Tale situazione era impensabile ad ottobre. Inoltre, per quanto esaminato in apertura, una vittoria farebbe acquisire alla Nova un grosso vantaggio proprio sugli avversari di turno. Ma, torniamo con i piedi per terra. In settimana i nostri beniamini si sono allenati con regolarità. Assenti ancora per infortunio Giachè, Lauri e Ramella, indisponibile Vallario, coach Dragone recupera in extremis Mazzoni e si concede anche qualche scelta tecnica nelle convocazioni. Ecco il gruppo che domani lo seguirà in panchina insieme al suo aiuto Fantini: Angelini, Basile, Barcaroli, Calvani, Gori, Martucci, Mazzoni, Pichini, Puddu, Rinaldi, Sileo e Tshisol. Non a caso abbiamo detto gruppo. Siamo convinti che è nell’unione e nella coesione, nell’aiuto reciproco che la Nova possa trovare quel qualcosa in più per far fronte alla situazione avversa e tornare a vincere. Il momento è quindi molto delicato e richiede l’apporto di tutti, dagli atleti amaranto in tribuna a quelli in campo, dalla Società al pubblico. La situazione richiede un palazzetto infuocato, attivo, partecipe, da grandi occasioni, come nel derby, più del derby, perché la partita di domenica potrebbe valere un’intera stagione.

Sergio Basile


Social