I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie.
Cookie Policy   -   OK

SERIE D: LA NOVA SALE AL 5° POSTO

http://www.novabasketciampino.it/immagini_articoli/24-01-2016/serie-nova-sale-posto-600.jpg

NOVA BASKET CIAMPINO 72: Sileo 4, Calvani 10, Giachè 14, Basile 6, Puddu 2, Martucci 11, Ramella 2, Gori 12, Tshisol 8, Pichini, Mazzoni 3, Angelini. All. Dragone, a.all. Fantini
PEGASO ROMA 54: Carboni, Fineberg 6, Bublil 2, De Franciscis 9, Ferrari 10, Perri n.e., De Marchis 7, De Matteo n.e., Planamente, Mermartiri 5, Celenza 13, Di Giuseppe 2. All. Scarpa
Gli amaranto vincono meritatamente la sfida salvezza con il Pegaso Roma, spostano il doppio incontro a proprio vantaggio, ribaltando lo scarto di -10 rimediato nella gara d’andata, e salgono in quinta posizione, a 14 punti, in condivisione con Roma Nord 2012 e Cinecittà Basket Polaris. Dopo un avvio equilibrato, i padroni di casa prendono il sopravvento, ma chiudono il primo quarto avanti di solo 4 punti, molto meno di quanto avrebbero meritato. Nel 2° minitempo, dopo essere stati raggiunti, gli amaranto mettono a segno un break di 9 a 0 e cominciano a prendere il largo. Gli avversari soffrono molto la zona della Nova e segnano pochissimo (7 punti nel quarto). Nonostante la difesa aggressiva a tutto campo del Pegaso, la Nova riesce a far circolare bene la palla e dopo l’intervallo lungo aumenta ancor più il divario fino al +25 sul finire del 3° quarto, amministrando il vantaggio fino al termine. I castellani partono con Sileo, Giachè, Martucci, Basile e Gori. Sono proprio quest’ultimi ad andare a segno per primi per la loro squadra, rispettivamente 6 e 5 punti, ma al termine del quarto tutti gli effettivi amaranto in campo avranno scritto punti a referto. Gli ospiti, però, sembrano essere entrati bene in partita e ribattono colpo sul colpo con Ferrari fino al 6-8. Nella parte centrale del minitempo la Nova stringe maggiormente le maglie difensive e prende decisamente in mano le redini del gioco, anche se concretizza meno, per imprecisione e sfortuna, di quanto creato. Così sul 16-8, tira un po’ il fiato e subisce il ritorno degli orange che, a cavallo dell’intervallo (18-14 il parziale del 1° quarto) recuperano fino al -1 (18-17) . La rimonta è quasi una sveglia per i padroni di casa. In un amen, con veloci transizioni, i castellani infliggono un parziale di 9-0 con Calvani e Gori che li riporta definitivamente al comando della gara. Il Pegaso incontra molte difficoltà ad attaccare la zona avversaria e perde molti palloni; difende alto ed attua un pressing molto aggressivo a tutto campo con alterne fortune. La Nova riesce spesso ad eludere l’asfissiante press romano e continua a creare tiri buoni con Calvani, Tshisol e Ramella, ma non ne approfitta adeguatamente, pur andando all’intervallo lungo sul punteggio di 36 a 21. Con il rientro in campo delle squadre, il filo conduttore dell’incontro rimane immutato. Questa volta sono Martucci e Giachè a fare da mattatori segnando entrambi 10 punti nel 3° quarto, con il supporto di tutta la squadra. Dopo 3 minuti, però, Basile deve uscire dal campo e dalla partita per uno strappo muscolare, prevedibile per lui un lungo fermo, così come dopo altri 4’ siederanno in panchina prima Sileo e poi Gori, richiamati per 4 falli. Ma, si sa, la Nova ha una panchina molto lunga e quando manca poco più di 1 minuto, raggiunge il massimo vantaggio di +25 che manterrà fino all’ultimo intervallo. Nell’ultima frazione di gioco il Pegaso Roma, con molta generosità e trascinato da Celenza, si rifà sotto nel tentativo di limitare il passivo, raggiungendo il -16 (64-48) a 3 minuti dalla sirena, subito annullato da una tripla di Mazzoni. La Nova, con il primo quintetto tutto a riposo e l’ottimo Calvani chiamato a fare gli straordinari da un tecnico fischiato a Sileo, tiene bene ed amministra saggiamente fino alla vittoria finale con uno scarto di 18 punti, che ribalta a proprio favore lo scontro diretto con gli avversari.   

 

Sergio Basile

VAI ALLO SCOUT DELLA PARTITA

VAI AI VIDEO DELLA PARTITA


Social

Comunicazioni